Esercizio 24: Il Saluto

MI RICORDO DI ME TUTTE LE VOLTE CHE SALUTO QUALCUNO

e mi ricordo di fare un bel respiro ogni volta prima di salutare,

anche se mi trovo già davanti alla persona con cui sto interagendo.

In questo modo potrò notare la differenza tra salutare qualcuno

in modo meccanico, oppure Consapevole.

Questa differenza (automatismo o coscienza) può essere applicata in ogni azione quotidiana.

Al di fuori dell’agitazione della vita esiste “qualcos’altro” che dovrebbe essere lo scopo e l’ideale
di ogni uomo: questo “altro” soltanto può rendere l’uomo veramente felice e offrigli dei valori reali.”
G. I. Gurdjieff

Per approfondire l’argomento leggi il testo di Ouspensky: il Ricordo di Sé

Potete scrivere un commento per qualsiasi domanda, chiarimento, richiesta di suggerimento o condivisione in base alla vostra esperienza con l’esercizio, a cui saremo felici di rispondere per essere di supporto.

Vivi ora l`Esperienza 

No Comments

Aggiungi il tuo commento