Come funziona la Legge del Sette nel corpo fisico?

Legge del Sette corpo

Il giovedì, giorno consacrato allo studio delle danze religiose e popolari, i sapienti che appartenevano a questo gruppo di ricerca presentavano, con le dovute spiegazioni, danze religiose e popolari d’ogni tipo: alcune già esistenti e semplicemente modificate, altre inedite e create da loro di sana pianta.

Affinché tu possa rappresentarti e comprendere meglio come costoro annotassero nelle danze le indicazioni volute, devi innanzi tutto conoscere quell’antica scoperta dei sapienti di allora secondo cui, a causa della Legge del Sette, qualsiasi posizione e qualsiasi movimento di un essere sono costituiti da sette tensioni “reciprocamente equilibrate” che sorgono in sette parti indipendenti del loro tutto integrale; e ciascuna di queste sette parti a sua volta comporta sette “linee di movimento” distinte, e ogni linea possiede sette “punti di concentrazione dinamica”; e queste divisioni successive si ripetono allo stesso modo e nello stesso ordine, ma in scala sempre più ridotta, fino alle particelle più piccole, o ‘atomi’, del corpo intero.

Ebbene, nel corso delle danze quei sapienti introducevano nei loro movimenti, il cui accordo rimaneva conforme alle leggi, alcune inesattezze volontarie, esse pure legittime, in cui annotavano in un certo ordine le informazioni e le conoscenze che desideravano trasmettere.

(George I. Gurdjieff, “I racconti di Belzebù a suo nipote”)

No Comments

Aggiungi il tuo commento

Verifica Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.